'PROGETTAZIONE PARTECIPATA’ PER RIQUALIFICARE LE RIVE DEL NAVIGLIO. AMMINISTRAZIONE COMUNALE E RESIDENTI FIANCO A FIANCO PER DARE UN NUOVO ASPETTO ALLE SPONDE DEL BRENTA, CHE ANCORA PORTANO LE FERITE DEL TORNADO (COMUNICATO STAMPA DI GIOVEDì 6.06.2019)


Primo incontro in municipio del ‘tavolo partecipato’ convocato dall’Amministrazione sul tema della riqualificazione delle rive in località Musatti.


Nel dicembre scorso la Regione del Veneto aveva infatti accolto la richiesta avanzata dai Sindaci di Dolo, Mira e Pianiga destinando oltre un milione di euro - somma residuante dalla contribuzione per il riassetto degli immobili danneggiati dal tornado - proprio al ‘Ripristino delle alberature e delle sponde del Naviglio Brenta, nonché di aree verdi contermini danneggiate dall’evento atmosferico calamitoso dell’8 luglio 2015 con destinazione a uso pubblico’. 

Ieri sera residenti ed esercenti si sono incontrati con il Sindaco Alberto Polo, l’Assessore all’Urbanistica Matteo Bellomo e l’Assessore all’Ambiente Marina Coin per costituire il gruppo di lavoro impegnato in una progettazione condivisa, con l'obiettivo di dare nuova identità alle rive straziate dal tornado nel 2015.

L’intento: a fronte dello studio di massima già redatto, ottenere da chi vive e lavora di fronte al Naviglio indicazioni progettuali concrete, che andranno poi recepite dai professionisti individuati dal Comune.

‘Salvaguardare il paesaggio e le singole proprietà’ è il motto dell’Amministrazione Comunale.

'Un primo esperimento di progettazione partecipata’ - precisa dunque l’Assessore Bellomo - 'un metodo innovativo da estendere successivamente anche ad altri contesti e che in questo caso assume un valore simbolico: insieme abbiamo subito il tornado, insieme ci siamo rialzati, insieme ricostruiamo il paesaggio della Riviera del Brenta. E’ un’occasione storica. Il progetto che andremo a redigere insieme proverà a riqualificare quell’area che, a tutti gli effetti, deve essere parte del Centro Storico di Dolo. Partendo dalla messa in sicurezza di una strada che non può essere teatro di corse a tutta velocità e parcheggio selvaggio. L’impegno condiviso con la Regione è quello di operare nel più breve tempo possibile: il nostro territorio non può più aspettare’.

Il tavolo di lavoro si riunirà nuovamente nel giro di qualche settimana, non appena il Comune di Dolo, attraverso apposita procedura, avrà incaricato i progettisti.

unchecked checked