LA MINISTRA DELL’INTERNO LUCIANA LAMORGESE A DOLO LUNEDI’ 17.02.2020 (COMUNICATO STAMPA DI SABATO 8.02.2020)

Lunedì 17 febbraio, alle 11.00, la ministra dell’Interno, Luciana Lamorgese, inaugura a Dolo il Centro di documentazione e d’inchiesta sulla criminalità organizzata, negli spazi messi a disposizione dal Comune di Dolo.

L’inaugurazione del Centro, diretto da Gianni Belloni e presieduto da Maurizio Dianese, arriva a ridosso delle inchieste per mafia, ‘ndrangheta e camorra che hanno portato il Veneto all’attenzione dell’opinione pubblica.

Le infiltrazioni della criminalità organizzata obbligano cittadini, amministrazioni comunali e istituzioni a rafforzare i momenti di studio e di comprensione del fenomeno e il Centro di Dolo si propone proprio questo, accettando l’invito che Prefetto e Questore, Forze dell’ordine e società civile hanno espresso più volte, affermando che la repressione è indispensabile, ma non sufficiente ad arginare e combattere il fenomeno delinquenziale.

La presenza della ministra Lamorgese certifica l’attenzione delle più alte cariche dello Stato per l’attività di studio dei fenomeni mafiosi anche nel Veneto.

Il Centro di documentazione e d’inchiesta sulla criminalità organizzata che si inaugura lunedì 17 nella sede dell’ex Tribunale di Dolo si avvale della collaborazione delle Università di Venezia, Padova e Torino ed è supportata da Libera, Legambiente, Avviso Pubblico, Arci,  Cgil, Cisl e Uil, Confesercenti e Confartigianato.

“Riteniamo che il nostro contributo al centro di documentazione e d’inchiesta sia testimonianza importante del ruolo istituzionale di questa Amministrazione, sempre attenta ad avere uno sguardo volto a migliorare la città e la cittadinanza sotto ogni profilo. Certo è una scommessa la nostra, ma la legalità è un obiettivo da perseguire ad ogni costo, sempre. Siamo quindi orgogliosi di questa scelta, che dimostra il ruolo di Dolo e della Riviera della Brenta come centro nevralgico e di interesse nazionale” - commentano il Sindaco Alberto Polo e l’Assessore alla legalità Giorgia Maschera.

unchecked checked