27/07/2021

‘Dolo disvelata’ cresce grazie alla cultura. Un museo esperienziale in villa Matteotti

“Dolo è sempre più attrattiva e ricca di proposte innovative. Ed è proprio partendo da questa considerazione che l'Amministrazione ha ricevuto un progetto capace di far compiere al nostro territorio un ulteriore salto di qualità”.

Matteo Bellomo, Assessore alla Cultura, così introduce la proposta, nella veste di partenariato pubblico/privato, pervenuta nelle scorse settimane al Comune di Dolo dalla società RNB4Culture (che dirige dallo scorso novembre il rilancio del Museo M9 di Mestre) e che consiste nell'allestimento, presso Villa G. Matteotti, di un museo interattivo fatto di una componente espositiva e di una esperienziale e laboratoriale.

La villa, che il Comune ha acquisito dal demanio dello Stato, abbisogna di un intervento di valorizzazione e il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali ha accertato la sussistenza di un interesse culturale, che deve essere alla base del recupero.

RNB4Culture propone di provvedere alla ristrutturazione dell'immobile così come previsto dallo studio preliminare commissionato, qualche anno addietro, dal settore lavori pubblici del Comune di Dolo e stimato in un investimento di 540mila euro.

Oltre ai lavori previsti dal Comune, inoltre, la società propone di provvedere anche alla riqualificazione dello spazio cantine, all'installazione di un servoscala per disabili e all'impianto di refrigerazione.

Il progetto prevede di utilizzare parte della villa per esposizioni permanenti e temporanee con focus su tematiche di forte richiamo e interesse per la comunità, anche connesse con gli ambiti di intervento del polo M9.

L'altra ala della villa, invece, sarà destinata ad attività di laboratorio destinate in particolar modo a bambini, scuole e famiglie e avranno sempre un altissimo contenuto tecnologico dedicate a Arte, Letteratura, Storia, Esplorazioni spaziali e Innovazioni Tecnologiche.

Nello stesso contesto è contemplata un'attività di doposcuola – gioco responsabile con allestimento di una ludoteca (tradizionale e digitale) e l'installazione di dieci postazioni Pc.

Sempre all'interno della Villa dovrebbe trovare spazio sia un Atelier che metterà a disposizione tecnologie e aree per “le botteghe” di giovani artisti sia il distaccamento tecnologico ‘HiVe – M9’, nel quale start-up e giovani imprenditori troveranno tutte le tecnologie d'avanguardia oggi presenti sul mercato per sviluppare il proprio percorso di crescita imprenditoriale senza “abbandonare” il territorio.

Ulteriori opportunità saranno costituite dalla sala cinema esperienziale con visori di realtà virtuale e dallo studio registrazione per giovani musicisti emergenti.

All'interno della Villa, inoltre, periodicamente si terranno eventi sia di natura seminariale sia ludico – ricreativa.

La proposta di RNB4Culture riveste il carattere di ‘project financing’: il progetto, che sarà inserito nel programma triennale delle opere pubbliche nel prossimo consiglio comunale (il 29 luglio) sarà poi oggetto di un apposito bando di gara.



unchecked checked