DOLO E FRAZIONI, COME ARRIVARE A DOLO

IL TERRITORIO
Comune di Dolo
Città metropolitana di: Venezia
Regione: Veneto

Superficie comunale: 24,17 Kmq

Scarica il formato .pdf della Rilevazione mensile del movimento della popolazione residente: riepilogo comunale marzo 2015.pdf

Altitudine media: 4 metri sul livello del mare

Capoluogo: Dolo
Frazioni: Arino, Sambruson

C.A.P.: 30031
Prefisso telefonico: +39 041

Posizione geografica
Dolo si estende nell'area nord-ovest della Provincia di Venezia, lungo l'asse determinato dal corso del Naviglio Brenta.
Dista circa 17 Km da Venezia e 19 km da Padova ed è situato a metà strada tra Padova e Venezia, tanto che qui, in passato, faceva tappa la diligenza che portava all'imbarco per la città Serenissima.
Il centro cittadino è situato sulle due sponde del fiume Naviglio Brenta. Le due distinte frazioni si trovano l'una a nord e l'altra a sud del suo corso.
Dolo è centro mandamentale dei così detti "Comuni della Riviera del Brenta" poichè costituisce il cuore dell'economia e dell'artigianato della Riviera.
Dotata di un centro storico ricco di squarci paesaggistici pittoreschi e bellissimi, la cittadina offre agli ospiti oltre ai famosi ristoranti di pesce, la possibilità di visitare molte ville di grande pregio, gli antichi mulini e l'unico 'squero', o di partecipare alle numerose manifestazioni periodiche che qui vengono organizzate.

STRADARIO, TOPONOMASTICA - VIE A DOLO

Idrografia
Il Naviglio Brenta, che scorre sull'antico alveo del fiume, esce oggi dal corso principale a circa 1 km a sud-ovest di Stra, dove si trova un nodo fluviale con porte per la regolazione del flusso delle acque. Altri corsi minori sono: Serraglio, Pionca, Tergola, Seriola e Brentone. Confini:
Campagna Lupia, Camponogara, Fossò, Fiesso d'Artico, Mira, Pianiga, Stra
.

Collegamenti

aerei:
Aeroporto internazionale di Venezia 'Marco Polo'
viale G. Galilei n. 30/1, 30030 Tessera - Venezia
info tel. +39 0412606111 / +39 0412609260 -
www.veniceairport.it

ferroviari:
con Venezia, Mestre e Padova dalla stazione di Dolo, a circa 3 km dal centro in direzione Nord.
info
www.trenitalia.it

stradali e autostradali:
Strada Provinciale n. 28 (via Cazzaghetto - Arino)
Strada Provinciale n. 26 (via B. Cairoli - Dolo)
Strada Regionale n. 11 (riviera XXIX Aprile, via Mazzini, via Matteotti, via Cà Tron, riviera Martiri della Libertà - Dolo)
Strada Provinciale n. 13 (via Badoera - Dolo via Argine Sx, via Calcroci - Sambruson)
Strada Provinciale n. 22 (via Stradona - Sambruson)
Strada Provinciale n. 19 (via Zinelli - Dolo via del Vaso - Sambruson)
Strada Provinciale n. 21
Autostrada A4 Milano-Venezia con casello "Dolo-Mirano" a 3 Km circa

autobus:
Actv - Agenzia Vela
via Mazzini n. 16 - 30031 Dolo (Ve)
info tel. +39 041415695  
www.actv.it

Omnibus
Il servizio di bus navetta che collega i centri storici di Dolo, Mira e Mirano con le stazioni ferroviarie di Dolo  e Mira - Mirano
http://actv.avmspa.it/sites/default/files/attachments/pdf/EN/omnibusDolo.pdf

http://actv.avmspa.it/it

fluviali:
Il Naviglio Brenta è percorso nel tratto Venezia - Padova da battelli turistici che fanno tappa nelle ville più belle.

Il Burchiello - Sita
via Orlandini 3 - 35121 Padova
info tel. +39 0498206910 - 
www.ilburchiello.it

I Battelli del Brenta - Antoniana Servizi
via Porciglia 34 - 35121 Padova
info tel. +39 0498760233 -
www.battellidelbrenta.it

Delta Tour Navigazione Turistica
via Toscana 2 - 35127 Padova
info tel. +39 0498700232 -
informazioni: www.deltatour.it

fonte: statuto comunale e archivio Biblioteca comunale di Dolo, Turismo Venezia  


IL CAPOLUOGO DI DOLO
Sull'origine del nome 'Dolo' si sono avanzate numerose ipotesi.
Qualcuno afferma che appaia in una pergamena del 1241. Altri lo collegano al fatto che qui, verso la II° metà del '400, Venezia inviasse persone macchiate di colpe, indesiderate. Altri rimandano ai nomi di famiglie facoltose e influenti come i Dauli o i Dotto. E ancora: Dolo come contrazione del nome della centrale Isola Dandolo (attuale zona tra via Mazzini e via Dauli), dove sorgeva un oratorio prima e la chiesa poi.
Agli abitanti di Dolo, si ricollega il detto: 'I storti di Dolo'. Se si vuole prendere alla lettera, la parola 'storti' non si riferisce al fatto che i dolesi siano mal formati nella persona, ma agli 'storti' veri e propri: i famosi coni di pane di frumento usati per la panna montata.
I vecchi dicono che sorgeva in passato a Dolo, e precisamente alla 'Bassa', una fabbrica di 'storti' che forniva il prodotto non solo ai consumatori del paese, ma anche alle vicine città di Padova e Venezia.
Una lettera del XV secolo (datata 15.06.1425) testimonia già l'esistenza di un villaggio denominato Dolo di cui si ha notizie già dal secolo precedente: 'Cà del Bosco'.
L'enorme sviluppo di Dolo è dovuto originariamente al bisogno di Venezia di ricercare nuove vie di sbocco per la propria economia, ciò si è verificato a causa della perdita di potere del commercio veneziano avvenuta con la caduta dell'Impero di Bisanzio, con l'affermazione della potenza turca e con l'apertura del commercio con l'America.
Dopo l'assoggettamento del territorio dolese a seguito della caduta di Padova, che aveva la giurisdizione nel 1405, il Naviglio del Brenta viene preso maggiormente in considerazione anche come mezzo di scambi.
Le tradizioni, gli usi e i costumi locali avevano sempre subito la particolare influenza veneziana, perché, essendo il paese uno dei più grandi centri della Riviera del Brenta, manifestazioni, mercati e feste si accentravano proprio a Dolo.
Già il Goldoni, partendo col 'Burchiello' per una gita lungo il Naviglio, accenna a Dolo come al luogo più importante, degno di una sosta, anche in locanda.
Il paese è stato fin dai secoli scorsi un centro prettamente agricolo, ma ingentilito dai frequenti soggiorni dei veneziani in villeggiatura. Riferisce, infatti, il Molmenti che i Veneziani venivano in campagna assai di frequente, iniziando il periodo di vacanza il giorno di S. Antonio da Padova (13 giugno) e si fermavano fino alla fine di luglio e da settembre ai Santi. Qui essi si trattenevano in allegra compagnia dando feste e ricevimenti raffinati. I Veneziani, infatti, vedevano il 'Naviglio del Brenta' come un naturale proseguimento del Canal Grande (Mazzotti in 'Ville Venete'). Ce lo dimostrano inoltre le numerose ville, alcune delle quali opere del Palladio, nella loro ricchezza e sontuosità. Il Brenta era considerato mezzo per il trasporto delle merci, dei prodotti agricoli della campagna al capoluogo veneziano che avveniva con l'ausilio delle barche trainate dai cavalli. Il Brenta era però utilizzato anche per trasportare la posta mediante la diligenza 'Il Burchiello' oltre che per il trasporto delle persone. Per agevolare tali comunicazioni fu costruito il 'Vaso' con le 'porte di sopra' e le 'porte di sotto' (bacino ora interrato ma visibile).
Per Dolo il XVI secolo segnò l'inizio di un notevole sviluppo economico collegato alla costruzione dei 'Molini' (terminati nel 1551-52) e dai continui lavori di progettazione, sistemazione e manutenzione delle opere idrauliche. La Repubblica Serenissima effettuò il taglio del Brentone verso Codevigo (1488-1507) che portò esiti discutibili nei confronti dell'equilibrio idrografico del territorio, del quale rimane oggi soltanto l'argine sinistro. Furono i Savi del Magistrato delle Acque di Venezia, dopo le varie deviazioni del Brenta, che individuarono proprio a Dolo un punto in cui si poteva costruire uno sbarramento per far funzionare con l'ausilio dell'acqua, dei molini. L'idea nacque in seguito ad un sopralluogo per controllare il Brentone del 1543. I molini furono visitati da molti uomini illustri: uomini di scienza, di cultura, pittori ritrattisti (famoso il quadro del Canaletto custodito nel museo di Oxford, a Dolo vi è una copia fotografica concessa dal museo stesso) ma anche alcuni dolesi come Carlo Morelli, Ettore Tito, Boscaro detto Saffi, Luigi Tito, altri personaggi di valenza nazionale come, Cesare Musatti padre della psicanalisi, Guardi, Bellotto, Goldoni e molti altri, confermano che Dolo fu centro di grande richiamo.
L'uso dei molini aumentò notevolmente il commercio e di conseguenza la ricchezza, dando un grande impulso all'economia della Riviera del Brenta.
Vicino ai Molini di Dolo, a dimostrazione dell'importanza del Brenta e del commercio che su di esso si sviluppava, si erge lo 'Squero' cinquecentesco, l'unico ancora esistente, dove venivano riparate e trovavano riparo le barche. A Dolo partiva 'La Seriola' (ora fiumicello secondario) acquedotto seicentesco della Serenissima che traeva l'acqua dal Brenta.
A seguito della caduta della Repubblica di Venezia sotto il dominio francese (1797) il cantone dell'abitato a Dolo, per decreto di Bonaparte, venne aggregato al Distretto di Venezia e al Dipartimento dell'Adriatico; dal 1815 Dolo fece parte del Regno Lombardo-Veneto, fino al 1866, anno dell'annessione al giovane Regno d'Italia.

LE FRAZIONI
Le origini di Sambruson e Arino vanno collocate in epoche antecedenti la nascita di Dolo.

Sambruson

Ebbe origine in epoca romana come crocevia di strade e punto di scambi commerciali che dalla via Annia proseguivano poi per via Altinate che passava per le zone di Stra, Sambruson, i Bottenighi (Marghera), Mestre, Campalto fino ad arrivare ad Altino, lungo la quale si svilupparono vari centri abitati.
Il nome deriva da Sant'Ambrogio, o Santo Brusone, come appare in certi documenti del Monastero di S. Ilario.
La tradizione fa risalire alla fine del IV secolo d.C. l'edificazione di una chiesa matrice in onore di Sant'Ambrogio, dopo che il Vescovo di Milano era passato per la zona.
Altri, prudentemente, ricordano che la prima notizia storica documentata risale al 1192: un lascito alla 'chiesa di Santo Bruxone', già comunque chiesa 'pievana'.
Sambruson è zona archeologica. Per merito del 'Circolo Trovemose' di Dolo, sono stati recuperati reperti che si ritenevano irrimediabilmente perduti e che forse troveranno un luogo espositivo proprio nella frazione dolese. Partendo da questi, o poggiando su un rinnovato interesse per la storia locale, molto a Sambruson si potrà ancora scoprire e raccontare.

Arino
Il primo documento che si riferisce al 'Vico' Arino è del 1073. Nel 1077 è chiamato 'Pieve', segno che già godeva di una certa importanza. Il fatto poi, che sotto il dominio longobardo fosse oggetto di una grande venerazione l'angelo Michele e che il Patrono di Arino, sia appunto, San Michele, confermerebbe l'antichità del paese.
L'origine del nome è incerta. Forse è legata alla nobile famiglia Adrinis, antica proprietaria di quei terreni. Altri ipotizzano un significato diverso, legato alla natura stessa del luogo, 'senza alberi', paludoso (dal greco).
Arino è inserita marginalmente in un'area di 'centurazione romana'. Un tempo doveva esserci una torre, costruita dai padovani nel periodo delle lotte contro i veneziani, a guardia dei 'serragli', ossia fossati e canali trasformati in trincee.
Via Torre e il fiumicello Serraglio rimangono di ciò unici testimoni.

fonte: archivio Biblioteca comunale di Dolo

NEWS E AVVISI
leggi tutte
'FANTAS TEACH' SERVIZIO DI AIUTO COMPITI ESTIVI CON TUTOR QUALIFICATI PER BAMBINI DELLA SCUOLA PRIMARIA FINO A VENERDì 31.07.2020 IN VARI COMUNI DELLA RIVIERA DEL BRENTA TRA CUI DOLO 09/07/2020 'FANTAS TEACH' SERVIZIO DI AIUTO COMPITI ESTIVI CON TUTOR QUALIFICATI PER BAMBINI DELLA SCUOLA PRIMARIA FINO A VENERDì 31.07.2020 IN VARI COMUNI DELLA RIVIERA DEL BRENTA TRA CUI DOLO nell'ambito del Progetto Alleanza per le famiglie della Riviera del Brenta. Leggi di più IDOLOVE ESTATE 2020: AI BLOCCHI DI PARTENZA IL FESTIVAL DELLA LETTERATURA (COMUNICATO STAMPA DI MARTEDì 7.07.2020) 07/07/2020 IDOLOVE ESTATE 2020: AI BLOCCHI DI PARTENZA IL FESTIVAL DELLA LETTERATURA (COMUNICATO STAMPA DI MARTEDì 7.07.2020) IDoLove estate 2020 alza il sipario sul Festival Letterario. La programmazione culturale estiva che l'amministrazione comunale propone quest'anno offre tante scelte diversificate, che - da luglio a settembre - spazieranno dal cinema al teatro alla letteratura al folclore.  Leggi di più RIAPERTURA DELLE SCUOLE E ELEZIONI. LA GIUNTA COMUNALE AL LAVORO PER CERCARE SEGGI ALTERNATIVI (COMUNICATO STAMPA DI LUNEDì 6.07.2020) 06/07/2020 RIAPERTURA DELLE SCUOLE E ELEZIONI. LA GIUNTA COMUNALE AL LAVORO PER CERCARE SEGGI ALTERNATIVI (COMUNICATO STAMPA DI LUNEDì 6.07.2020) La Giunta Comunale di Dolo è al lavoro, in questi giorni, per individuare seggi alternativi a quelli solitamente adibiti negli spazio scolastici. “La riapertura delle scuole" – commentano il Vicesindaco Gianluigi Naletto e gli Assessori Matteo Bellomo e Giorgia Maschera – "è prevista per il prossimo 14 settembre e le elezioni, anche se il decreto non è ancora stato emanato, pare ormai pressoché certo si terranno il 20 e il 21 dello stesso mese. Pensare, dunque, di far tornare i nostri bambini e ragazzi a scuola per pochi giorni e poi costringerli a restare nuovamente a casa per consentire l'igienizzazione, l'allestimento dei seggi, lo svolgimento, previsto su due giorni, delle operazioni di voto e poi il ripristino dei locali, è impensabile soprattutto dopo quello che hanno già patito negli scorsi mesi a causa dell'emergenza Covid.”  Leggi di più 06/07/2020 8.07.2015, 8.07.2020: UNA MESSA IN DUOMO PER NON DIMENTICARE (COMUNICATO STAMPA DI LUNEDì 6.07.2020) Una messa, mercoledì 8 luglio, nel Duomo cittadino alle 19: così Dolo vuole ricordare il tornado del 2015. Sono trascorsi cinque anni da quando, nella Riviera del Brenta e a Dolo in particolare, si aprì una ferita inaspettata nella comunità, che ancora serba il ricordo di un'estate carica di dolore, smarrimento e sofferenze. Dolo si è rialzata con orgoglio e dignità, dopo quella data: che è giusto ricordare, a sintesi e simbolo della capacità e della forza - dimostrata dalle famiglie duramente colpite dall'evento atmosferico - di rimboccarsi le maniche e ripartire.  Leggi di più I DOLOVE URBAN ART FESTIVAL, SEZIONE YOUNG: IN PIAZZALE COLLODI I MURALES DEI DOLESI LAURA SQUARCINA E SIMONE FAGGIAN (COMUNICATO STAMPA DI VENERDì 3.07.2020) 03/07/2020 I DOLOVE URBAN ART FESTIVAL, SEZIONE YOUNG: IN PIAZZALE COLLODI I MURALES DEI DOLESI LAURA SQUARCINA E SIMONE FAGGIAN (COMUNICATO STAMPA DI VENERDì 3.07.2020) Il Mondo di Pinocchio è l’ultimo disegno realizzato per IDoLove Urban Art Festival, sezione Young. Si trova in Piazzale Collodi, in prossimità della nuova area verde inaugurata recentemente dall’Amministrazione comunale. Gli autori sono due giovani artisti dolesi: Simone Faggian, fumettista di formazione e Laura Squarcina, illustratrice. Leggi di più 02/07/2020 Avvisi: Con delibera di Consiglio Comunale n.   37 del 25/06/2020 sono state differite le scadenze del pagamento del cosap anno 2020 Leggi di più ECCO COME NASCE UN PROGETTO ARTISTICO! 29/06/2020 ECCO COME NASCE UN PROGETTO ARTISTICO! Dalla pagina Facebook di IDoLove lunedì 29.06.2020: Questi sono i mastini gendarmi della storia scritta da Carlo Collodi, interpretati da Simone Faggian, prima sul disegno realizzo a penna e poi sul murale! Un bellissimo risultato! Leggi di più CONTRIBUTI COVID – 19 PER GLI AFFITTI COMMERCIALI: COMPLETATE LE ISTRUTTORIE (COMUNICATO STAMPA DI VENERDì 26.06.2020) 26/06/2020 CONTRIBUTI COVID – 19 PER GLI AFFITTI COMMERCIALI: COMPLETATE LE ISTRUTTORIE (COMUNICATO STAMPA DI VENERDì 26.06.2020) In piena emergenza il Comune di Dolo ha presentato un pacchetto di misure a sostegno di famiglie e imprese. Tra queste, il blocco della tariffa di asporto rifiuti per le attività non domestiche e lo sconto, previa presentazione di apposita domanda, di quella delle abitazioni. Oltre a questa misura, e al contributo straordinario per la messa in sicurezza della casa di riposo, l’Amministrazione Polo ha previsto un bonus per tutti i proprietari di negozi che non avessero fatto pagare l’affitto dei mesi nei quali le attività sono rimaste chiuse a causa del lockdown. Leggi di più INAUGURATO GIOVEDì 25.06.2020 DAL SINDACO ALBERTO POLO E DALLA GIUNTA IL NUOVO PARCO DI PIAZZALE COLLODI 25/06/2020 INAUGURATO GIOVEDì 25.06.2020 DAL SINDACO ALBERTO POLO E DALLA GIUNTA IL NUOVO PARCO DI PIAZZALE COLLODI Ora street artists Laura e Simone all'opera: nel fine settimana 'Pinocchio' prenderà vita e colori sulle pareti di cinta dell'asilo nido. Leggi di più
unchecked checked