COSA VEDERE

MONUMENTI

Chiese e Campanili
Anticamente la parrocchia di Dolo dipendeva dall'Arcipretale di Fiesso d'Artico e, in parte, da Sambruson e Arino.
Ma dal 1669, in virtù della centralità ormai acquisita, divenne autonoma e titolo di Arciprete fu conferito al Parroco di Dolo.
La chiesa attuale, dedicata a San Rocco sulla base di una tradizione che individuava nella protezione di San Rocco la preservazione del luogo dalla tremenda epidemia di peste del 1576, fu eretta tra il 1770 e il 1776.
E' stata elevata successivamente al titolo di Duomo.
Appare come edificio costruito solidamente, in perfetta armonia con capitelli corinzi e il resto barocco. Sono recenti all'interno figure ad affresco che ricordano lo stile del Tiepolo.
L'altare e le figure di angeli sono attribuite a Giovanni Ferrari, detto il Torretti (1744-1774)

duomodolo.jpg
Duomo di S. Rocco

La costruzione del Campanile di S. Rocco risale al 1792.
L'opera, di 'Scuola Veneziana', elegante ed equilibrata nell'architettura, arieggia il campanile di San Marco di Venezia, con sviluppo verticale però più snello.
E' alto 82,27 metri. Il timore da parte della Repubblica Veneta che il nuovo campanile superasse in altezza quello lagunare, portò la stessa a prendere posizione affinchè ciò non avvenisse.
Un recente restauro ha ridato al campanile di Dolo lo splendore originario, migliorandone inoltre la qualità costitutiva di alcuni materiali.
Particolarmente interessante è la struttura portante lignea della cuspide ottagonale, costituita da un tronco in rovere alto 17 metri, la cui presenza testimonia l'importanza che al campanile veniva attribuita dal Maggior Consiglio della Serenissima: in via straordinaria concesse a Dolo l'utilizzo del grande fusto in rovere nonostante la scarsità del prodotto in quell'epoca.
Dalla cella campanaria (altezza 47,30 metri) si ha una visione panoramica stupenda della Riviera del Brenta. Visite guidate: per tutti, nel periodo natalizio e durante la festività di San Rocco (orari esposti la settimana prima nel Duomo), per gruppi organizzati, durante tutto l'anno previo accordo con il Parroco.

chiesaarino.jpg
Chiesa di Arino

chiesasanbruson.jpg
Chiesa di Sambruson

Ex Macello comunale
L' ex Macello Comunale è un edificio neoclassico situato sulla punta dell'Isola Bassa dove i due rami del Brenta si riuniscono, in una posizione particolarmente suggestiva dal punto di vista paesaggistico.
La facciata principale presenta due timpani che sovrastano lo spazio porticato scandito dall'ordine gigante dorico.
La costruzione risale ai primi decenni dell'ottocento.
Destinato a lungo al luogo dove venivano macellate e lavorate le carni, è oggi spazio in gestione del Comune di Dolo (info UFFICIO CONCESSIONE SALE).

exMacelloComunale.JPG
Ex Macello Comunale

Lo Squero monumentale
E' collocato in pieno centro storico, era l'antico cantiere o scalo coperto dove venivano riparate e trovavano ricovero le barche che transitavano lungo il Brenta, trainate controcorrente dalle rive con l'ausilio dei cavalli.
E' costituito da un tetto in capanna con capriate, il tutto sorretto da dieci pilastri in mattoni.
Nelle adiacenze dovevano esserci attività artigiane collegate (costruzione di remi, forcole, intreccio in gomene ect.).
Indicativa a pochi metri dallo Squero 'Calle dei Calafati' (Il calafato era l'operaio addetto al calafataggio delle navi ossia rendere impermeabile il fasciame o il rivestimento dei ponti di un natante, riempiendo di stoffa catramata le commessure fra le tavole degli scafi di legno o cianfrinando le lamiere degli scafi metallici).

squero.jpg
Squero monumentale

Isola del Maltempo
Isola del Maltempo è la parte antica di Dolo. Chiusa da due rami del Brenta, oggi è conosciuta come 'Isola Bassa'.
La sua collocazione e le modifiche all'alveo del Brenta furono causa di inondazioni e del suo conseguente isolamento durante le piene causate dal maltempo: a ciò va riferita l'origine del toponimo.

I Molini
Ooriginariamente erano muniti di 4 ruote, alle quali ne furono aggiunte altre 2 dalla parte di Cà Dandolo e 2 dalla parte della conca, dove oggi si trova la Pizzeria 'Al Cristo', un tempo l'antica Osteria e sede del maniscalco.
Nel 1593 si incrementò ancora il numero delle ruote, raggiungendo il numero complessivo di 12.
I Molini di Dolo divennero la più grande risorsa economica della Serenissima Repubblica.
Rimaste per secoli in uso alle grandi famiglie nobiliari e poi divenuti beni dello Stato, devono il ritorno al loro antico spendore all'opera di due privati cittadini, che ne hanno sovvenzionato il restauro.
Attualmente i Mulini di Dolo sono adibiti a bar.

molinodolo.jpg
I molini

Le Porte o chiuse di Dolo
La conca, o 'Porte del Dolo', unione dei due rami del Brenta che racchiudevano l'Isola del Maltempo, fu costruita nel 1625. Era un bacino di sollevamento con sitema di chiuse di tipo 'vinciano'.
Qui si pagavano i dazi sulle merci: esiste ancora una tabella in pietra con le tariffe accanto ad un idrometro che rileva le piene del Naviglio Brenta dal 1770 al 1825. na locanda accanto alla conca, segno di grande movimento di uomini e mezzi, appare sia in un'incisione del Costa che in un'acquaforte del Canaletto.
Nel 1934 vennero installate le nuove porte più a sud, mediante un breve taglio, e di conseguenza si interrò la conca, che comunque conserva intatta la sua struttura a pianta ovale ('il vaso') in pietra d'Istria.

chiuse.jpg
Le Porte o chiuse

La Seriola
La 'Seriola' o 'Ceriola' (parola che nell'antico dialetto veneto significa piccolo corso d'aqua) era una canale che aveva lo scopo di far fluire le acque dolci da Dolo a Lizza Fusina, del quale si possono vedere ancora oggi le sue tracce. Lo scopo era quello di risolvere il problema dell'acqua potabile a Venezia. Partiva da Dolo e arrivava fino a Moranzan, dove erano pronte le barche per caricare l'acqua e portarla nel capoluogo lagunare. Successivamente fu scavato il canale ad una distanza considerevole con la creazione di numerose vasche attraverso le quali l'acqua doveva passare per perdere le impurità. All'inizio dell'imbocco della Seriola era posta una pietra raffigurante un 'leone alato', ora custodita al piano terra del Municipio di Dolo, costruito dall'arch. Tommaso Temanza (1705-1789) e recante la scritta in latino: 'HINC URBIS POTUS' ossia di qui l'acqua potabile per la città'. In onore di tale tradizione ogni anno viene organizzato dalla Biblioteca Comunale di Dolo il Premio Letterario 'La Seriola HINC URBIS POTUS'.

leone.jpg

LE VILLE
Segnali del florido passato di Dolo sono, ovviamente, le ville, in gran parte affacciate sul Naviglio, continuazione ideale (ma anche geografica) del Canal Grande.
Delle ville cinquecentesche a Dolo rimane poco, fatta eccezione della pregevole Villa Ferretti Angeli, costruita verso la fine del secolo, e di Villa Velluti a Sambruson. Del tardo '500 è Villa Bon, i cui primi proprietari furono probabilmente i Foscari.
Dello stesso periodo doveva essere l'imponente Ca' Tron, distrutta da un incendio nel 1797 e riedificata in dimensioni minori (rimane il prezioso oratorio).
Così pure Villa Mocenigo di San Samuele che si ergeva a fianco della Chiesa di Dolo. E non c'era traccia neppure di Cà Contarini. Del '600 rimangono tra le altre, Villa Brusoni Scalella a Sambruson, con il suo vasto e meraviglioso parco di impianto romantico, Villa Fini, Villa Mocenigo, Villa Grimani, Villa Andreuzzi Bon, con fattezze scamozziane, Villa Donà Priuli (rimaneggiata). Sono del '700 Villa Nani Mocenigo, Villa Badoer Fattoretto e Villa Velluti a Sambruson, Villa Andreucci, Villa Concina, Villa Mioni (sua ristrutturazione nell'800, sia nell'arera dell'antica prorietà Tron) con il bel parco ottocentesco. Dell'800 da citare Villa Tito e Villa Badoer Basso a Sambruson.
Altre ville presenti a Dolo sono: Villa Alberti, Villa Ducale ora ristorante, Palazzo Molin, Villa Mocenigo - Basso, Palazzo de Goetzen, Villa Donà Priuli, Palazzetto Duodo, Villa Renosto, Villa Valeggia - Spezzati, Villa Marigonda e Villa Carminati a Sambruson.

Villa ANDREUCCI
(riviera Martiri della Libertà 79/81- Casello Dodici - Dolo)
Esemplare superstite di tre casini gemelli settecenteschi situato sul lato sinistro di Riviera Martiri della Libertà in prossimità di Mira. Elegante facciata di belle proporzioni. L'oratorio appartiene oggi alla vicina Villa Rocca Ciceri sorta nell'800 sul sito del secondo casino.

Villa ROCCA CICERI
L'edificio carico di elementi architettonici, tutti assunti in funzione decorativa, è di origine tardo ottocentesca. Sorge nel sito occupato nel tardo secolo XVIII dai due scomparti "Casini Andreucci". Ad essi era collegato l'oratorio di belle proporzioni prospettante nella trada Padova - Venezia. Attualmente è adibito ad Hotel - Ristorante Villa Ducale.

Villa ANDREUZZI BON
(via Rizzo 25 - Dolo)
Imponente edificio della fine del secolo XVI, domina il centro storico di Dolo proprio di fronte ad Duomo di San Rocco al di là del Brenta. Il centro della facciata, di grande rigore classico, è ritmato da quattro paraste di ordine ionico che reggono un timpano ornato da vasi acroteriali ed è affiancato da eleganti camini. All'interno è stata conservata la decorazione tardo ottocentesca di una stanza.

Villa FERRETTI ANGELI e parco
(via Brentabassa 41 - Dolo)
Tra Dolo e Sambruson, sulla riva destra del Naviglio Brenta, sorge Villa Ferretti Angeli, costruita alla fine del '500 su progetto di Vincenzo Scamozzi. Le facciate sono scandite dall'ordine gigante ionico, il pianterreno è caratterizzato da un bugnato rustico. Si sono conservati i cancelli originali con pilastri cilindrici sormontati da anfore marmoree. Ospita l'Istituto professione En.A.I.P. Veneto. Il parco, con percorsi tortuosi e piante ad alto fusto, è aperto al pubblico con ingresso da via Brentabassa e della strada Venezia - Padova.
La villa è gestita dalla Provincia di Venezia.
Per informazioni http://patrimonio.provincia.venezia.it

Villa BON
(via Brentabassa 32 - Sambruson di Dolo)
Collocata nei pressi di via Brentabassa, è stata completata nel tardo cinquecento, ha la facciata dotata di serliana balaustra. Al piano terreno importanti affreschi allegorici di B. India (1528-1590).
sito internet: www.enrosadira.it

Villa BRUSONI SCALELLA
(via E. Tito 76 - Dolo  /  tel. 041421621 cell. 340.4963894)
Villa Brusoni Scalella si trova in via E. Tito, sulla riva destra del Naviglio. Seicentesca, è composta da due edifici, la barchessa con l'oratorio e la casa padronale, allungata con un susseguirsi di stanze perfettamente allineate che creano un gioco prospettico.
Molto interessante il parco all'inglese che, date le caratteristiche, è attribuito all'architetto veneziano Giuseppe Jappelli: con un'estensione di circa tre ettari, offre piacevoli angoli romantici come i laghetti, le cascate d'acqua, la casetta del pescatore, la torre con la ghiacciaia, la casa dei Daino, il belvedere e numerosi viali.
Al centro del parco statua di Apollo attribuita a P. Baratta.
Il parco è visitabile solo su prenotazione. Sono accettati gruppi al massimo di 25 persone.

Villa BADOER BASSO
(via Badoera 2/4 - Sambruson di Dolo)
A Sambruson in via Argine Sx nei pressi di via Badoera, si erge con un'aspetto tardo settecentesco Villa Badoer Basso. Probabilmente fu eretta sul sito della cinquecentesca torre Badoer.

Villa BADOER FATTORETTO
(via E. Tito 2 - Dolo  /  cell. 347.8243292)
In località Sambruson, tra via Badoera e via E. Tito dietro il Naviglio Brenta, si trova Villa Badoer Fattoretto, della prima metà del '700. Residenza estiva dei Badoer, fino al 1945 ospitò Carlo De Chantal; durante il secondo conflitto mondiale i tedeschi trasformarono la villa in un ospedale militare. Gli attuali proprietari i Fattoretto la acquistarono nel primo dopoguerra. Successivamente interessata da ammodernamenti, si presenta oggi, come edificio elegante, in ottimo stato di conservazione. Interessante al suo esterno una leggenda che narra dell'esistenza di un misterioso tesoro sotterrato nel parco, mentre, al suo interno è custodita un'esposizione di documenti relativi alla storia locale, ma soprattutto il ricchissimo "Museo degli arnesi dei vecchi mestieri". Scolaresche e gruppi possono prenotare visite.
info: Wigwam Club Giardini Storici Venezia
tel. 041610791 - sito internet: www.giardini-venezia.it

Villa CONCINA
(via Comunetto 5 - Dolo)
A Dolo, in zona centrale, , è situata Villa Concina. E' a tipica pianta veneziana con salone centrale e stanze laterali, su due piani, e presenta la tipologia diffusa nelle ville settecentesche di modeste dimensioni, tranne qualche raro elemento di fattura tardo ottocentesca, come le due torrette addossate alla facciata sud. Le stanze son ornate di stucchi. Di proprietà del Comune di Dolo dal 1982 e da poco restaurata, la villa è sede della Biblioteca Comunale.

Villa DONA' PRIULI
(via San Giacomo 1/3 - Dolo)
Fabbricato del XVII secolo, conservato in parte, situato lungo via San Giacomo nei pressi di via Marzabotto, mantiene una forma longitudinale che si sviluppa su due piani con finestre a timpani curvilinei. La struttura più ampia è posteriore. Notevole è l'oratorio ottagonale sormontato da un piccolo campanile.

Villa FINI
(riviera Martiri della Libertà 19/21 - Località Cesare Musatti - Dolo  /  tel. 0415608000 -  www.allavillafini.it )
Collocata sul lato sinistro di Riviera Martiri della Libertà, dopo Villa Grimani, troviamo questa costruzione settecentesca caratterizzata da ampio tipano e facciata con finestre archivoltate. Vasto parco con statue e adiacenze. Oratorio con importante altare.

Villa GRIMANI
(riviera Martiri della Libertà 7 - casello Dodici - Dolo)
Sempre sul lato sinistro di Riviera Martiri della Libertà, prima di Villa Fini, databile tra la fine del XVI e l'inizio del XVII secolo appare Villa Grimani. La facciata è caratterizzata dalla sovrapposizione di una serliana alla trifora del piano nobile, che poggia su una loggia costruita alla fine del '600. Resti di affreschi al piano terra con scene di torneo cavalleresco. Al primo piano affreschi con figure muliebri attribuite a D. Varotari o al figlio Alessandro, il Padovanino. Ospitò S. Filippo Neri a cui Pietro Grimani dedicò l'oratorio, ora perduto.

Villa MIONI
(via G. Matteotti 65 - Dolo)
Si trova nella località Cà Tron che prende il nome dallo scomparso Palazzo Tron opera di A. De Gaspari: ne rimane la cappella gentilizia a pianta ottagonale dedicata alla Madonna del Carmine, al cui interno si trovano affreschi secenteschi, un ricco altare marmoreo e tre statue attribuite ad A. Marinali. La Villa Mioni è probabilmente il frutto di una ristrutturazione ottocentesca di una delle adiacenze di Palazzo Tron. E' contornata da un parco pittoresco in cui si trovano le imponenti barchesse archivoltate di Palazzo Tron.

Villa RENOSTO
(via Badoera 19/21 - Sambruson di Dolo)
Piccola villa settecentesca all'angolo fra Via Brentabassa e via Badoera con ampia loggia, un tempo serra per cedri, divisa da quattro pilastri che sostengono il primo piano, coronato da attico con decorazioni di canestri di frutta in pietra tenera. Oratorio con buona tela settecentesca e campaniletto a vela.

Villa TITO e Villa VELLUTI
Queste due ville (Sambruson, riva destra del Naviglio) vengono spesso ricordate assieme non solo perchè confinanti, ma soprattutto per le importanti personalità artistiche che appartengono alle famiglie Tito e Velluti.

Villa TITO
(via E. Tito 12 - Dolo  /  cell. 347.8243292)
E' collocata lungo via E. Tito, dietro il Naviglio Brenta ed è la cosidetta 'casa del pittore', la dimora nella quale Ettore Tito (1859-1941), originario di Castellamare ma innamorato di Venezia, valentissino pittore, abitò.
In questo edificio presumibilmente ottocentesco, l'artista ideò le più belle fra le sue tele. Il figlio Luigi ne raccolse l'eredità spirituale, traendo dal luogo l'ispirazione per le sue pennellate. L'edificio va considerato come elemento di una scenografia, nella quale il parco, di impianto romantico, ha un ruolo preponderante. Nelle vicinanze spicca l'oratorio.
Villa VELLUTI
(via E. Tito 14/16/18/20/22 - Sambruson di Dolo)
Villa Velluti situata a Sambruson, fu l'edificio nel quale il celebre sopranista marchigiano Giovan Battista Velluti (1780-1861) scelse di trascorrere gli ultimi anni di vita, conquistato dal fascino della Riviera e dal lento fluire del Naviglio. Per impreziosire la dimora e celebrare l'arte che lo rese famoso egli volle, a coronamento del tetto, statue raffiguranti suonatori e strumenti musicali. In passato, la villa ospitava un centro musicale intitolato a Mimì Velluti. La tipologia della villa è settecentesca e nella parte sud il complesso ha subito un'estensione dei corpi di servizio resi necessari per l'attività economica svolta negli anni passati dai precedenti proprietari. Nel parco sorge anche un oratorio.

Palazzetto DUODO
(via G. Matteotti 37 - Dolo )
L'edificio collocato in pieno centro, lungo via Matteotti quasi all'angolo con via Piave, risale al '700. La facciata è caratterizzata da una raffinata serliana sormontata da una cornice curvilinea culminata da un timpano triangolare. All'interno stucchi e fregi e quattro importanti tele attribuite a M. Ricci o ad A. Visentini.

Palazzo DE GOETZEN
(Via G. Matteotti 4/6 - Dolo )
Massiccio edificio tardo settecentesco che provenendo dal centro di Dolo verso Mira è situato sul lato destro di via Matteotti, in prossimità di via della Pace. Al piano nobile finestre dotate di cornici curvilinee e triangolari. Un piccolo timpano corona la facciata. Attualmente è adibito ad albergo.

Palazzo MOLIN
(riviera Martiri della Libertà 63 - Casello Dodici - Dolo )
Complesso di edifici che si affiancano lungo la riva. Il corpo principale presenta elementi del seicento sulla facciata posteriore. All'interno decorazioni pittoriche dei secoli XIX e XX, alcune attribuibili a E. Tito.

Villa GASPARINI
(Dolo  /  tel. 0415608156
www.villagasparini.it

VILLE DELLA RIVIERA DEL BRENTA

Per informazioni sulle ville visita il sito internet dell'Azienda di Promozione Turistica della Provincia di Venezia dedicato alla Riviera del Brenta www.riviera-brenta.it

INFORMAZIONI TURISTICHE
Turismo Venezia
Azienda di Promozione Turistica della Provincia di Venezia

tel.+390415298700
sito ufficiale Turismo Venezia: www.turismovenezia.it
sito ufficiale Riviera del Brenta: www.riviera-brenta.it

INFOPOINT per la Riviera del Brenta
c/o Widmann Rezzonico Foscari, via Nazionale 420 - 30034 Mira (Ve)
tel. +39 041424973 - 0415298710

informazioni dagli operatori privati
Gruppo Imprenditori Turistici (G.I.T.) della Riviera del Brenta - Turismo Confindustria Venezia www.rivieradelbrentaturismo.com

INFORMAZIONI SULLE VILLE VENETE
ISTITUTO REGIONALE PER LE VILLE VENETE (I.R.V.V.)
S. Marco 63 - 30124 Venezia
tel.0415235606
www.irvv.net - www.villevenete.net

REGIONE VENETO
portale turistico regionale www.veneto.to

MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITA' CULTURALI
Direzione Generale per i Beni Architettonici e Paesaggistici

www.bap.beniculturali.it

ASSOCIAZIONE VILLE VENETE
Castello S. Pelagio - Due Carrare 35020 Padova
tel.0499125929
www.villevenete.org

fonte: archivio Biblioteca comunale di Dolo

NEWS E AVVISI
leggi tutte
NATALE A DOLO 2018: UN CONCERTO DI SOLIDARIETA' PER LE POPOLAZIONI DEL BELLUNESE COLPITE DAL MALTEMPO (COMUNICATO STAMPA DI LUNEDì 17.12.2018) 17/12/2018 NATALE A DOLO 2018: UN CONCERTO DI SOLIDARIETA' PER LE POPOLAZIONI DEL BELLUNESE COLPITE DAL MALTEMPO (COMUNICATO STAMPA DI LUNEDì 17.12.2018) Tra le tante iniziative del Natale Dolese 2018, organizzato dalla Pro Loco di Dolo, segnaliamo questa settimana il 'CONCERTO DI SOLIDARIETÀ' a ingresso libero con offerta responsabile che avrà luogo SABATO 22 DICEMBRE alle 18.00 nel Magazzino Comunale di via Fratelli Bandiera. Leggi di più AVVISO DI CHIUSURA DELLA BIBLIOTECA DI DOLO DA LUNEDì 24.12.2018 A SABATO 5.01.2019 17/12/2018 AVVISO DI CHIUSURA DELLA BIBLIOTECA DI DOLO DA LUNEDì 24.12.2018 A SABATO 5.01.2019 Leggi di più FIABE D'INVERNO: IL FINE SETTIMANA A DOLO TRA BANCARELLE, BABBI NATALE IN SURF, LE IMMAGINI MAGNIFICHE DI MICHELANGELO ROSSATO, IL CORO SKYLINE E LE SCIVOLATE SULLA PISTA DI GHIACCIO (COMUNICATO STAMPA DI VENERDì 14.12.2018) 14/12/2018 FIABE D'INVERNO: IL FINE SETTIMANA A DOLO TRA BANCARELLE, BABBI NATALE IN SURF, LE IMMAGINI MAGNIFICHE DI MICHELANGELO ROSSATO, IL CORO SKYLINE E LE SCIVOLATE SULLA PISTA DI GHIACCIO (COMUNICATO STAMPA DI VENERDì 14.12.2018) Leggi di più 14/12/2018 CONVOCAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DI DOLO GIOVEDì 20.12.2018 COMUNICATO STAMPA DI VENERDì 14.12.2018) ore 18:00 in prima convocazione presso la sede municipale di Dolo in via B. Cairoli n. 39 (sala Consiglio al I piano) Leggi di più 11/12/2018 DALL'UFFICIO CULTURA DI DOLO: AVVISO PUBBLICO DEL 19.10.2018 (PROT. N. 30685/2018) EVENTI CULTURALI - PROGRAMMAZIONE ANNO 2019 - TERMINE PER LA PRESENTAZIONE DELLA PROGETTAZIONE E DELL'EVENTUALE ISTANZA DI VANTAGGIO ECONOMICO MARTEDì 15.01.2019 Termine di presentazione della domanda: ENTRO MARTEDì 15 GENNAIO 2019 Leggi di più 07/12/2018 DOLO SU DUE RUOTE. LA 'CITTÀ GENTILE' OFFRIRÀ SEMPRE PIÙ PISTE CICLABILI, LAVORI PRONTI A PARTIRE (COMUNICATO STAMPA DI VENERDì 7.12.2018) Dolo pronta a compiere il primo passo per la realizzazione dei sette percorsi ciclabili previsti nel Biciplan recentemente adottato in Consiglio Comunale. Leggi di più 04/12/2018 AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE PER COMPONENTE NUCLEO DI VALUTAZIONE MONOCRATICO PER IL PERIODO 2019 - 2020 DEL 4.12.2018 (PROT. N. 35652/2018) Scadenza presentazione domanda: VENERDì 14.12.2018 Leggi di più 04/12/2018 ULTERIORE INCONTRO PUBBLICO CON VERITAS E AMMINISTRAZIONE COMUNALE DEDICATO AL NUOVO SISTEMA DI RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI A DOLO (COMUNICATO STAMPA DI LUNEDì 3.12.2018) GIOVEDÌ 6 DICEMBRE 2018 alle 18.30 nell'ex teatro di via Brusaura di Sambruson Leggi di più AVVISO DI VERITAS S.P.A. DEL 29.11.2018 SERVIZIO ACQUEDOTTO SOSPENSIONE DELL'EROGAZIONE DI ACQUA POTABILE, CON POSSIBILI INTERRUZIONI O RIDUZIONI, LUNEDÌ 3.12.2018 DALLE ORE 13:00 ALLE 17:00 CIRCA IN VIA CAZZAGHETTO E LATERALI A DOLO (COMUNICATO STAMPA DI GIOVEDì 29.11.2018) 03/12/2018 AVVISO DI VERITAS S.P.A. DEL 29.11.2018 SERVIZIO ACQUEDOTTO SOSPENSIONE DELL'EROGAZIONE DI ACQUA POTABILE, CON POSSIBILI INTERRUZIONI O RIDUZIONI, LUNEDÌ 3.12.2018 DALLE ORE 13:00 ALLE 17:00 CIRCA IN VIA CAZZAGHETTO E LATERALI A DOLO (COMUNICATO STAMPA DI GIOVEDì 29.11.2018) Leggi di più
 
leggi tutte
unchecked checked