Sei in : Comune di Dolo >

MIGRANTI: DOLO STA GIA’ FACENDO LA SUA PARTE (COMUNICATO STAMPA DI MERCOLEDì 28.06.2017)

28/06/2017

Le notizie sui massicci sbarchi di migranti in corso in questi giorni, insieme ai contatti intercorsi con la Prefettura di Venezia, hanno spinto il Sindaco di Dolo a inviare una nota proprio al Prefetto per chiarire la posizione dell’Amministrazione Comunale, impossibilitata ad accogliere ulteriori migranti. 

‘Le motivazioni che ci portano a questa considerazione’ -
spiega il Sindaco - ‘sono di natura strettamente oggettiva e non ideologica. Dolo, infatti, ospita 63 migranti, una quota ben al di sopra delle soglie stabilite dal protocollo ANCI - Ministero dell'Interno, che fissa il rapporto a 2,5 ogni mille abitanti.

Per Dolo, quindi, la quota dovrebbe essere di 38 persone.
 La paventata possibilità che la struttura di Villa Spica, gestita in piena autonomia da un privato tramite la Cooperativa Edeco Cooperativa Sociale di Battaglia Terme possa ospitare ulteriori migranti risulta inaccettabile, offensiva e disumana, un numero ben al di sopra della capacità di quell'immobile.

L’attuale presenza di 42 donne in Villa Spica, confermata dalla Prefettura stessa, sta producendo seria preoccupazione, tanto che l'opinione pubblica, apertamente, segnala episodi di prostituzione’.  

Dunque, a fronte anche della mancata accoglienza praticata da molti comuni del territorio metropolitano, il Sindaco oggi ha ribadito ufficialmente al Prefetto l'assoluta indisponibilità del Comune di Dolo a ospitare nuovi migranti e ha rinnovato la richiesta, più volte avanzata, di avviare un piano operativo che consenta a Dolo, intenzionato ad aderire quanto prima al progetto Sprar, di rientrare nella quota prevista.