Sei in : Comune di Dolo >

I SERVIZI SOCIALI DEL COMUNE DI DOLO SI RACCONTANO: OPPORTUNITÀ, SERVIZI E NUOVI PROGETTI SOCIALI. UN LAVORO RESILIENTE (COMUNICATO STAMPA DI MERCOLEDì 21.12.2016)

21/12/2016

                                                                      

GIOVEDÌ 24, 29 NOVEMBRE E IL 1 DICEMBRE 2016 sono state date importanti per l’Amministrazione Comunale di Dolo ‘Assessorato alle Politiche Sociali’: l’equipe di lavoro formata da Carlotta Vazzoler Assessora alle Politiche Sociali e  Familiari, Elisabetta Sedona Responsabile dei Servizi Sociali, Emmanuela Padovan e Antonella Strada Assistenti Sociali, Maristella Borina Segreteria Amministrativa in collaborazione con le Dott.sse Lorenza Barina e Daria Cattelan del Centro per l’affido e la solidarietà familiare hanno affrontato nodi assai importanti come la famiglia, il lavoro, la casa, la disabilità, la tutela dei minori, il sostegno alla genitorialità, gli anziani.

“Il progetto ‘I SERVIZI SOCIALI SI RACCONTANO’ ha avuto lo scopo di mettere l’accento su come i Servizi Sociali del Comune siano la porta di accesso a tutta una serie di servizi erogati dagli enti stessi o per tramite” - afferma la Responsabile del Settore Servizi Sociali Elisabetta Sedona.

L’equipe dei Servizi Sociali ha avuto modo di trattare varie importanti tematiche addentrandosi per esempio su:

·         i requisiti per accedere all’assistenza domiciliare;

·         le modalità di come usufruire di pasti caldi a domicilio;

·         l’organizzazione e la disponibilità di utilizzo dei trasporti sociali a mezzo di autovetture in dotazione dell’ente locale;

·         la possibilità di accedere all’educativa domiciliare per minori;

·         l’affido familiare grazie anche agli interventi delle Dott.sse Lorenza Barina e Daria Cattelan del Centro Affidi dell’Ulss 13

·         l’attività ricreativa, educativa e di socializzazione attraverso servizi gratuiti come, ad esempio, il “Giragioca” attivo anche a Dolo presso l’asilo nido comunale;

·         quali sono i requisiti per accedere ai sussidi economici;

·         l’opportunità di avvalersi del servizio di telesoccorso e telecontrollo;

·         come è strutturato e con quale modalità poter usufruire del ricovero temporaneo e definitivo in strutture protette;

·         i requisiti, le graduatorie e la disponibilità di alloggi di edilizia residenziale pubblica sia di proprietà comunale che di proprietà dell’Ater;

·         l’ asilo nido comunale;

·         l’amministratore di sostegno;

·         l’educativa territoriale;

·         l’inclusione attiva e sulle misure per lo sviluppo di sostegno sociale.

I tre incontri, il primo tenutosi a Sambruson presso il circolo Trovemose, il secondo ad Arino presso il centro parrocchiale e il terzo a Dolo presso la sala polivalente della Barchessa di Villa Concina, hanno voluto trasmettere il messaggio di incontri a due vie: quello di informare e condividere iniziative pregresse e future e quello di ricercare un confronto positivo e fattivo fatto di dare e ricevere.

“Far partecipare attivamente la collettività ha infatti permesso di accogliere nuovi stimoli  perché per costruire un benessere di comunità è fondamentale la sinergia che si crea con la famiglia, con gli enti, con le associazioni, con le aziende, con la scuola e con tutte le istituzioni, perchè abbiamo bisogno di costruire qualcosa che sia duraturo nel tempo ed abbia radici profonde e salde nel territorio” - sostiene Carlotta Vazzoler, Assessora alle Politiche Sociali e Familiari del Comune di Dolo.

“Stimolare questo genere di “alleanze”- afferma l’Assessora Carlotta Vazzoler – “ci permetterà di lavorare per diminuire il disagio sociale, per prevenire situazioni di devianza giovanile, per sostenere la genitorialità, per favorire l’ integrazione sociale per l’ arricchimento della comunità, incrementando la partecipazione attiva dei singoli per rendere sempre più maturo il senso di appartenenza alla comunità sociale.”

L’Assessora Carlotta Vazzoler ha inoltre presentato alcuni progetti sostenuti dall’Amministrazione Comunale di Dolo Assessorato alle Politiche Sociali durante quest’anno 2016 quali: “Alleanza per le Famiglie Riviera del Brenta”, una rete locale costituita da enti, associazioni, forze sociali, economiche e culturali che promuovono nel territorio della Riviera del Brenta politiche finalizzate al benessere della famiglia;“Welfare, benessere organizzativo e smart working. Labox: strumenti per welfare aziendale e lavoro agile”, un  progetto che fornirà per i prossimi due anni strumenti utili che permetteranno l’introduzione di misure per lo sviluppo di sostegno sociale e di una nuova forma più agile di svolgimento del lavoro anche in Riviera del Brenta; “WelfareNet: Reti In Rete”, il progetto mira a creare una rete regionale di servizi di sostegno sociale che valorizzi e coordini le reti e i servizi già presenti nei territori, e nello specifico nella Riviera del Brenta grazie alla rete formatasi con il progetto “Alleanza per le Famiglie”; “PMIA Patto Metropolitano per l'Inclusione Attiva”, progetto atto a promuovere l’inclusione sociale, combattere la povertà e ogni forma di discriminazione partendo con l’inserimento e il reinserimento lavorativo di soggetti svantaggiati partito in questo mese di dicembre e che vedrà coinvolte 48 persone nel nostro territorio; “Potenziamento dei centri antiviolenza e dei servizi di assistenza alle donne vittime di violenza e ai loro figli e per il rafforzamento della rete dei servizi territoriali”, abbiamo sostenuto il Comune di Noale diventando partner di progetto con l’accordo “Alleanza per le Famiglie” e grazie al finanziamento ottenuto dal Comune di Noale potremmo lavorare al tavolo di lavoro per sostenere le donne vittime di violenza e i loro figli e rafforzare la rete di servizi territoriali anche in Riviera del Brenta.

“Il lavoro delle Politiche Sociali è un lavoro fatto in punta di piedi; resiliente, che non si stanca mai; che mette la persona al primo posto affinché si possa costruire assieme quel benessere che permetta la realizzazione di un progetto di vita solido, di costruire legami sociali, di assunzione di responsabilità, di formazione e di crescita.” - conclude l’Assessora Carlotta Vazzoler.

Vedasi la relativa sezione Eventi del presente sito internet www.comune.dolo.ve.it.