Sei in : Comune di Dolo >

DOLO SI ILLUMINA DI VIOLA PER CELEBRARE LA GIORNATA MONDIALE DELLA PREMATURITÀ 2016 - GIOVEDì 17.11.2016 (COMUNICATO STAMPA DI VENERDì 18.11.2016)

18/11/2016




@crediti fotografici: Alessio Boscolo CF Obiettivo, Dolo (VE)

“Il sole splende, soprattutto nel buio. I contorni delle ombre danno forma a tutto ciò che illumina. Ma, ad un certo punto, il sole va via e con esso, quelle forme, essenza di vita, che, come nel grembo materno così nel grembo della Madre Terra, avevano trovato quel calore e, soprattutto, la ragion d’essere. Ciò che c’è, esiste, ma esiste ancor più ciò che avremmo voluto che fosse, perché il tempo non potrà mai spezzare quell’incanto di vita”

Cit. Teresa Gagliardi, Prof.ssa Istituto Comprensivo Dolo


L’Amministrazione Comunale di Dolo ‘Assessorato alle Politiche Sociali’ accogliendo la richiesta dell'Associazione "Pulcino", operativa in tutto il Veneto dal 1996, e socia fondatrice di Vivere Onlus Coordinamento Nazionale delle Associazioni per la Neonatologia a sua volta collegata a EFCNI European Foundation for the Care of Newborn Infants, in collaborazione con l’Istituto Comprensivo di Dolo e “Luci In Riviera” che ne ha curato l’organizzazione, è stata felice di sostenere e contribuire alla campagna di sensibilizzazione per la GIORNATA MONDIALE DELLA PREMATURITÀ illuminando col colore viola, ieri GIOVEDÌ 17 NOVEMBRE 2016 dalle ore 17, la facciata della Scuola Primaria De Amicis di Dolo in concomitanza con il reparto di patologia neonatale di Dolo a ricordo dei bambini e delle bambine nati troppo presto o troppo piccoli e le loro famiglie.

“Con questo evento l’Amministrazione Comunale di Dolo si unisce a tutte le organizzazioni di genitori, ordini professionali, organizzazioni non governative, istituzioni pubbliche, organizzazioni private, aziende private, agenzie dell'ONU e donatori, in tutto il mondo, ribadisce che il mondo rimane unito per la salute dei nostri piccoli neonati” – afferma l’Assessora Carlotta Vazzoler -.

“Un’iniziativa che collegata a tutte le attività ed agli eventi organizzati sollecitano sensibilizzazione e attenzione sulle nascite pretermine e sulle complicazioni e rischi che questo evento può comportare.” – ribadisce l’Assessora Carlotta Vazzoler  -.

Un bambino e una bambina, dal momento stesso in cui nascono, hanno diritto a tutti gli effetti al riconoscimento dei propri diritti di cittadino e cittadina, come dichiara l’art.32 della nostra Costituzione. Oggi, nel mondo ci sono all’incirca 13 milioni di bambini che nascono prematuri; di questi, se ne annoverano solo in Europa mezzo milione.

Da qui, la sensibilizzazione delle coscienze del popolo italiano. E l’Italia è il Paese che ha dato vita al “Manifesto dei diritti del bambino nato prematuro”. Questo documento ha trovato la sua ragion d’essere grazie al lavoro sinergico tra: le Associazioni dei Genitori, Società Scientifiche e Professionali, politici, settore privato e società civile. Anche l’OMS esige che la prematurità sia intesa come priorità legislativa. Tutte le politiche nazionali dovrebbero adottare una strategia comune per ridurre l’impatto di questo fenomeno e migliorare gli risultati associati alla prematurità.


“Aderire a queste giornate dedicate alla sensibilizzazione di argomenti importanti ci permette di fare il punto e di porre l’accento su questioni importanti che vanno affrontate assieme per il Bene Comune” – conclude l’Assessora Carlotta Vazzoler. -