Sei in : Comune di Dolo >

In Regione la documentazione ‘Alleanza per la famiglia’. Terminato il primo iter, ora tocca alla Regione (comunicato stampa di venerdì 26.02.2016)

26/02/2016

DOLO - Si è concluso questa settimana il primo iter di presentazione alla Regione Veneto della documentazione per manifestare l’interesse al programma attuativo regionale per la costituzione di un’Alleanza per la Famiglia nel territorio della Riviera del Brenta.

Otto i Comuni partner, Dolo Comune capofila e i Comuni di Campagna Lupia, Campolongo Maggiore, Camponogara, Fossò, Mira, Pianiga e Stra, assieme all’Azienda Ulss n. 13 e a quarantasette diverse realtà presenti nel territorio a testimoniare la volontà che ‘assieme si può’.

Un’Alleanza che copre un territorio di 339 Km² per un totale di 123.600 abitanti e che vuole dare voce a tutte le forze che vogliono mettersi in gioco e scendere in campo a favore della famiglia per promuovere iniziative di welfare community.

A farsi portavoce di questa Alleanza l’Assessora alle politiche sociali e familiari del Comune di Dolo Carlotta Vazzoler, sostenuta dal Sindaco Alberto Polo e coadiuvata dagli Assessori Politiche Sociali e Familiari degli altri sette Comuni e dai rispettivi Sindaci, che hanno visto in questo strumento la possibilità di implementare nel loro territorio i servizi e gli strumenti a favore delle famiglie, coinvolgendo le Associazioni di Famiglie, i soggetti del Terzo Settore, le Istituzioni Pubbliche e Private, le Imprese e le Associazioni di Imprese.

L’Alleanza, a oggi, può contare sull’apporto e la collaborazione di molte e diversificate realtà del territorio, tra cui Azienda Ulss n. 13, Associazioni del Terzo Settore (tra le quali Il Portico, Digiveneto, Caritas, Croce Rossa Italiana, Famiglie e Abilità, Librarsi, Auser), Associazioni di Categoria (tra cui Artigiani e Piccola Impresa Riviera del Brenta, Camera di Commercio Venezia Rovigo Delta Lagunare, Confcommercio Ascom Riviera del Brenta), Consorzi (Consorzio Maestri Calzaturieri del Brenta), Asili Nido (Il Club dei Piccoli), Nidi in Famiglia (Il Gomitolo e Cucù Cia), Istituti Comprensivi (quali Istituto Comprensivo di Dolo e Istituto Comprensivo di Stra), Istituti Superiori (Istituto Prof. di Stato C.Musatti e Istituto Tecnico Commerciale M.Lazzari), Orchestre Giovanili (quale Orchestra Giovanile Diego Valeri), Comitati Genitori (Comitato Genitori Dolo), Associazioni Ambientaliste (Legambiente), Centri Studi (Centro Studi Riviera del Brenta), Consultori Familiari (C.I.F. “Centro famiglie in gioco”), Enti di Formazione (Enaip Veneto, Trinity House srl), Associazioni Sindacali (Cisl Venezia), Associazioni Sportive (Ads Sarcilotto), Società Cooperative (Arino Solidale, Coges Don Lorenzo Milani, Coop Alleanza 3.0), Imprese (SMART&LIFE sas, OMECA, VENPA spa, NEP srl, SMART MIX srl), Associazioni Culturali (Forme Art, Il Pentagramma, Teatro Instabile, Università del Tempo Libero), nonché di consulenti certificati per il progetto Audit Famiglie&Lavoro.

‘Obiettivo principe dell’Accordo’ - afferma Carlotta Vazzoler Assessora alle Politiche Sociali e alle Politiche Familiari del Comune di Dolo - ‘è un ripensamento delle politiche familiari in un’ottica di valorizzazione delle capacità dei vari attori: istituzioni pubbliche, enti, operatori economici, terzo settore e famiglie, i quali interagiscono al fine di promuovere e sostenere il benessere delle famiglie e perseguire un welfare di comunità’.

‘Un benessere’ - aggiunge Vazzoler - ‘che si costruisce con il contributo di tutti i soggetti attivi nell’Alleanza, valorizzandone le competenze, condividendo idee e progettualità e realizzando nuovi interventi, servizi e strumenti’.

Il Gruppo di Lavoro che verrà costituito tra i soggetti partecipanti per dare seguito a quanto pattuito nell’Accordo di Alleanza potrà vagliare tutte le ulteriori richieste di adesione da parte di altre realtà del territorio che siano disponibili a partecipare attivamente a un progetto di lavoro attraverso la condivisione di percorsi formativi finalizzati ad individuare priorità e progetti da sostenere.

‘Ogni realtà si assume particolari e specifiche responsabilità rispetto alle proprie competenze nei confronti degli altri soggetti partecipanti, anche se in generale, vigono il principio di collaborazione tra i soggetti firmatari che si impegnano a collaborare implementando interventi e servizi a favore delle famiglie di tutti i Comuni interessati; a introdurre nel territorio standard familiari volti a valorizzare ogni singolo soggetto che li adotta nell’offerta di servizi e di beni, anche in ambito ricettivo e turistico, per soddisfare le esigenze delle famiglie, sia residenti che ospiti; nel creare pacchetti di offerte in ambito culturale, turistico/alberghiero, commerciale, tempo libero qualificato – sport, cultura, civiltà e formazione - che favoriscano il benessere delle famiglie; a individuare possibilità di ottenere ulteriori finanziamenti per i progetti dell’Alleanza’ - dice l’Assessora Vazzoler.

La famiglia resta il caposaldo per la promozione del benessere individuale, resta il luogo di costruzione dei legami sociali, di assunzione di responsabilità, di formazione e di crescita delle persone. ‘Con questa Alleanza’ - tiene a precisare l’Assessora - ‘lavoreremo per diminuire il disagio sociale, per prevenire situazioni di devianza giovanile, per sostenere la genitorialità, per favorire l’integrazione sociale per l’arricchimento della comunità, incrementando la partecipazione attiva dei singoli per maturare il senso di appartenenza alla comunità sociale’.

A breve tutti i soggetti saranno invitati per un incontro al fine di incominciare a gettare le basi per un futuro proficuo dell’Alleanza.