Sei in : Comune di Dolo >

Approvato in Consiglio Comunale il nuovo regolamento in materia di servizi sociali e servizi scolastici nel Comune di Dolo (comunicato stampa di venerdì 27.11.2015)

27/11/2015

A far data dal 1° Gennaio 2016 andrà in vigore anche nel Comune di Dolo il nuovo Regolamento in materia di Servizi Sociali e Servizi Scolastici.

In maniera condivisa i 4 Comuni dell’Unione dei Comuni della Riviera del Brenta e il Comune di Campolongo Maggiore hanno lavorato assieme per arrivare ad avere un unico documento in materia di Servizi Sociali e Servizi Scolastici oltre ad aver condiviso con i 17 Comuni afferenti all’Azienda ULS 13 le linee guida e i principi generali.

In seguito al decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 5 Dicembre 2013, che stabilisce l’ISEE quale strumento di valutazione attraverso criteri unificati della situazione economica di calcolo di coloro che richiedono prestazioni agevolate, era necessario rivedere i regolamenti comunali vigenti in materia di Servizi Sociali e Scolastici.

Commenta l’Assessore alle Politiche Sociali Carlotta Vazzoler:

“Grazie al lavoro di squadra fatto dai tecnici e dai responsabili dell’Ufficio Politiche Sociali del Comune di Dolo assieme ai tecnici e ai responsabili dei Servizi Sociali dei Comuni dell’Unione della Riviera del Brenta di Fiesso D’Artico, Fossò, Campagna Lupia e di quelli del Comune di Campolongo Maggiore siamo arrivati ad uniformare i regolamenti dei Servizi Sociali e dei Servizi Scolastici di questi 5 Comuni della Riviera del Brenta dando così con questo strumento rinnovato ai nostri cittadini possibilità di omogeneità di risposte in merito alle attività e ai servizi offerti dai Comuni interessati. Sono grata e riconoscente per il grande lavoro svolto e che segna un grande passo avanti.”

“Il lavoro inoltre di condivisione con i Comuni dell’Azienda Uls 13 affinché i principi generali fossero propri anche di tutti i 17 Comuni afferenti all’AZ ULS 13 dà un segnale di condivisione e di volontà a lavorare assieme con un unico obiettivo condiviso: facilitare l’accesso alle informazioni e rendere più facile il percorso a tutti i cittadini.”

“Rispettare i tempi e andare in approvazione del nuovo regolamento per l’applicazione dello stesso secondo i dettami del DPCM entro il 1° gennaio 2016 è stato reso possibile anche grazie alla partecipazione dei tecnici ad un corso sull’impatto che la nuova normativa ISEE avrebbe avuto sui regolamenti aprendo così di fatto il tavolo di lavoro ad apporti esterni di consulenti competenti che hanno dato il loro contributo al tavolo permettendo confronti, discussioni, dibattiti e approfondimenti che hanno arricchito il lavoro finale.”

“I primi 13 articoli del regolamento affrontano i termini delle finalità del servizio e l’accesso alla rete degli interventi, le modalità e le priorità, i diritti; la compartecipazione dell’utenza al costo dei servizi con l’inserimento dei principi dettati dalla normativa statale in materia di ISEE. Dall’art 14 all’art 29 vengono elencati i vari servizi sociali che i Comuni mettono a disposizione, gli interventi di servizio sociale professionale, gli interventi per la domiciliarietà, i servizi socio-educativi, gli interventi economici ad integrazione delle rette o del reddito. L’art 30 prevede i progetti sociali particolari che ogni Comune ha attivato”. Per il Comune di Dolo grande importanza sociale ha il progetto del “ Gruppo Appartamento, sia maschile che femminile” che si colloca all'interno della rete dei servizi socio-assistenziali predisposta dal Comune di Dolo e si connota come un progetto volto a dare una collocazione abitativa residenziale permanente o temporanea, e di supporto a persone singole, con disagio psicosociale, limitata autonomia, bisognose di bassa protezione socio-sanitaria, residenti nei Comuni afferenti all’Az. Ulss 13, per le quali è stato pensato un percorso socio – riabilitativo, oppure si trovano privi o con una scarsa rete familiare in grado di sostenere la loro situazione psico affettiva.

Un challenge importante nel nostro territorio che dà risposte ai bisogni di condivisione alle persone coinvolte che così possono ritrovare, attraverso percorsi guidati, nuovi stimoli per una vita rinnovata.”

Nell’allegato B si trattano gli interventi economici a sostegno dei Servizi Scolastici e dell’Asilo Nido Comunale.

“Poter applicare la stessa normativa, quella ISEE, e uniformarla a tutti i servizi sociali, significa poter rendere omogenea la trattazione degli interventi e dei contributi offrendo un unico parametro di riferimento per il calcolo delle prestazioni sociali agevolate”.

Conclude l’Assessore Vazzoler: “Un grande passo avanti condiviso a livello del nostro territorio a favore dei cittadini”.