Sei in : Comune di Dolo >

Il Consiglio Comunale di Dolo dice no all'aumento delle tariffe A.C.T.V. (comunicato stampa di venerdì 30.10.2015)

30/10/2015

Il Consiglio Comunale ha approvato ieri sera, all’unanimità, un ordine del giorno proposto dalla maggioranza e concordato con tutti i Capigruppo Consiliari a tutela dei cittadini fruitori dei servizi di trasporto da e per Venezia, penalizzati recentemente da pesanti incrementi del costo di biglietti e abbonamenti.

Spiega il Sindaco Alberto Polo: ‘Il Commissario Straordinario del Comune di Venezia, nel mese di maggio scorso, ha deliberato, l’incremento delle tariffe che interessano le tratte urbane della rete di trasporto pubblico ACTV da e per Venezia. L’aumento incide anche sul costo dei titoli di viaggio extraurbani e danneggia, di fatto, lavoratori, studenti e cittadini che – anche nel nostro comune - utilizzano i mezzi pubblici per recarsi nella città di Venezia. Nel provvedimento si legge chiaramente che la manovra ha lo scopo di reperire risorse aggiuntive a favore del bilancio comunale di Venezia.

Oggi aumento tariffario dovrebbe essere connesso esclusivamente a un potenziamento del servizio offerto e non a esigenze di cassa delle pubbliche amministrazioni. In questo caso, invece, il maggiore introito derivante dall’aumento  di abbonamenti e biglietti sarà interamente incamerato dall’amministrazione comunale veneziana al fine di risanare il proprio bilancio e le risorse aggiuntive non saranno in alcun modo utilizzate per migliorare la qualità dei servizi di trasporto pubblico.

Inoltre il rincaro deliberato a maggio si aggiunge a un altro pesante incremento già disposto a brevissima distanza di tempo, ovvero nello scorso mese di febbraio

Per questi motivi’ – conclude il Sindaco – ‘questa Amministrazione ha proposto ieri al Consiglio un ordine del giorno, condiviso con i Capigruppo, con il quale impegnare il Sindaco del Comune di Dolo a richiedere al Sindaco del Comune di Venezia l’immediato ritiro e l’annullamento della deliberazione del Commissario Straordinario’.

Con il documento votato ieri sera il Consiglio Comunale ha anche impegnato il Sindaco del Comune di Dolo, quale componente della Città metropolitana, ‘a sollecitare nell’ambito della stessa, un comportamento più rispettoso da parte del Comune di Venezia nei confronti dei diritti dei cittadini dei Comuni soci di minoranza’.