Sei in : Comune di Dolo >

Il Sindaco di Dolo sull’ospedale di Dolo (comunicato stampa di venerdì 23.10.2015)

23/10/2015

La notizia, appresa al momento esclusivamente dalla stampa, del blocco dei trasferimenti dei reparti dall’ospedale di Dolo a quello di Mirano, sembrerebbe premiare tutto il lavoro prodotto in questi mesi.

La nostra Amministrazione, fin dal proprio insediamento e nonostante il tornado, ha lottato con determinazione perché l’ospedale di Dolo, l’ospedale della Riviera del Brenta, rimanesse un polo capace di garantire a tutti le giuste risposte e la serenità di poter contare su servizi efficienti.

Nelle scorse settimane, quando lo scontro si è fatto più duro, abbiamo anche utilizzato metodi non sempre eleganti dal punto di vista istituzionale ma l’urgenza di non perdere un bene tanto prezioso ci ha spinti a muoverci anche oltre i normali confini. La scelta di chiedere la convocazione di una Conferenza dei Sindaci dedicata all’Ospedale di Dolo, l’approvazione in quella sede di un Ordine del Giorno (seppur a maggioranza), la scelta di proporre un analogo documento a tutti i consigli comunali della Riviera e poi di andare personalmente a portare a Venezia al Presidente Zaia la nostra risoluzione, sono l’indice dell’urgenza che ci ha animato e della nostra consapevolezza che, prima delle formalità vengono il benessere e la tranquillità delle nostre comunità.

Il nostro auspicio, ora, è duplice. Da una parte attendiamo impazienti che questa anticipazione trovi immediata corrispondenza formale, dall’altra ci auguriamo che questa “pausa” consenta la convocazione, già nelle prossime ore, di un tavolo regionale che riveda l’impianto stesso della programmazione sanitaria della Riviera del Brenta. In questa fase credo sia corretto ringraziare i Comitati, gli operatori sanitari, i Comuni della Riviera e i Consiglieri Regionali che, anche andando oltre le specifiche appartenenze politiche, hanno accolto il nostro appello a fare squadra con noi per difendere il nostro Ospedale.