Sei in : Comune di Dolo >

Distribuzione delle liberalità ai cittadini colpiti dal tornado. L'Assessore Maschera: “Contributi già ricevuti e liberalità se usati per scopi diversi non sono cumulabili” (comunicato stampa di martedì 24.11.2015)

24/11/2015

Sono state consegnate in questi giorni le lettere del Comune di Dolo con le quali è stato comunicato a ciascun soggetto, colpito dal tornado dello scorso otto luglio, la consistenza della quota di liberalità spettante.

Insieme alla lettera è stato inviato anche un modulo con il quale viene richiesto di indicare se il cittadino o l’azienda beneficiaria della donazione è stato già oggetto di erogazione di contributi o premi assicurativi.

“Quelle che stiamo distribuendo” – spiega l’Assessore al Bilancio del Comune di Dolo, Giorgia Maschera – “sono donazioni, liberalità, versate spontaneamente da cittadini per tutti i soggetti colpiti dal tornado dello scorso otto luglio. Siamo tutti consapevoli che le cifre distribuite non costituiscono, assolutamente, la soluzione di situazioni spesso molto complesse, ma al tempo stesso crediamo possano rappresentare un elemento di conforto, un piccolo aiuto a chi, oggi, deve fare i conti con difficoltà enormi. Questa distribuzione non rappresenta, dunque, una risposta strutturale, ma un segnale di grande attenzione che i cittadini, e con loro il Comune, hanno voluto dare. È stato applicato un criterio per fasce di danno, al fine di voler evitare ai danneggiati la necessità di doversi munire di una perizia asseverata anche per ricevere poche centinaia di euro. Si è cercando così di adempiere al mandato ricevuto da parte di tutti quei cittadini che hanno versato le proprie offerte nelle casse del comune e che con quel gesto hanno fatto quanto potevano affinché qualcosa fosse destinato a tutti i colpiti dal tornado.”

“Insieme alla lettera nella quale indichiamo l’entità del contributo – continua l’Assessore Maschera – abbiamo inviato un modulo nel quale ciascuno autocertifica se ha già ricevuto contributi o altre forme di rimborso, ad esempio di natura assicurativa. Questo costituisce un atto di trasparenza ed equità che non deve essere scambiato per una forma di vessazione. È, infatti, evidente che non si possono ricevere due diverse somme di denaro per riparare il medesimo danno, ma se con la liberalità distribuita del comune si dimostra che sono stati pagati altri tipi d’intervento, quella cifra non sarà defalcata da eventuali altri contributi.”

“I cittadini che riceveranno le liberalità” – conclude Giorgia Maschera – “avranno un anno di tempo per indicare, con documenti alla mano, come hanno investito quella cifra. Mi permetto, però, di invitare tutti i cittadini che hanno ricevuto la nostra lettera di recarsi presso lo “Sportello Tornado” allestito presso il Municipio di Dolo nei giorni 30 novembre e 1 e 2 dicembre per essere aiutati e consigliati.”

Relativa sezione Emergenzadel presente sito internet www.comune.dolo.ve.it.